Seleziona Pagina

“Frontaliers Disaster”

“Frontaliers Disaster”

Riportiamo con gioia il grande successo del primo vero lungometraggio dei Frontaliers, la comicità al confine italo-svizzero, con la partecipazione della Franzosini.

 

Il 17 dicembre scorso è stato presentato al Cinema Plaza di Mendrisio il film “Frontaliers Disaster”: un’avventura speciale e divertentissima del consolidato duo comico nostrano Bernasconi-Bussenghi.

Il film è stato distribuito in tutte le sale della Svizzera italiana a partire da giovedì 21 dicembre e si è trattato di un’esperienza mai tentata prima dai due attori: un lungometraggio che si discosta nettamente dai tempi brevi degli sketch alla dogana di Bizzarone e che vede la Franzosini come protagonista in alcune scene del film.

In Franzosini siamo stati orgogliosi di aver potuto supportare il team di attori e partecipare direttamente al successo di questo film esilarante, per il quale non era prevista la versione DVD della pellicola (che in passato aveva venduto migliaia e migliaia di copie) e che è risultato il più apprezzato nelle passate feste natalizie nella Svizzera italiana. Questi risultati hanno dimostrato la grande affezione dei fans, fedeli testimoni di un fenomeno tutto locale ed insubrico ancora in piena eruzione, ed il forte legame che lega anche noi della Franzosini al nostro territorio ed alla sua cultura. La pellicola, oltre che in tutte le sale dei cinema del Cantono Ticino, è stata distribuita da metà gennaio anche oltre San Gottardo, nella Svizzera romanda ed in questi giorni anche nei cinema della fascia lombarda di confine. Ed i dati al botteghino dimostrano che i fans hanno risposto da subito con grande partecipazione: ad oggi, in Ticino, 31’500 spettatori, insomma i Frontaliers hanno letteralmente triplicato l’ultimo capitolo della saga hollywoodiana “Star Wars”!

“Frontaliers Disaster” è un film comico, tratto dall’omonima serie svizzera, che racconta le peripezie del frontaliere Roberto Bussenghi (interpretato da Flavio Sala), originario dell’immaginario paese di Usmate Carate, che ogni mattina passa, o meglio, tenta di attraversare il valico di Bizzarone a bordo della sua Panda rossa per andare a lavorare in un’azienda meccanica di Lugano, ma puntualmente viene trattenuto ore in dogana dal fiscalissimo doganiere ticinese Loris Bernasconi (interpretato da Paolo Guglielmoni). In questo film rimarchiamo la performance di una nuova comparsa: il nostro collega e artista Christian Valsangiacomo, già cantante di discreto successo, in questo caso nei panni di un autista fermo al valico…

A differenza dei cinepanettoni italiani qui le battute sono veramente per tutti, senza parolacce o scene allusive: tra i due attori nascono gag e sketch comici nei quali sia i ticinesi, che gli italiani frontalieri, si rivedono dipinti in chiave ironica e sono proprio i confronti e le battute il motore comico del film che questa volta li vede addirittura alleati di fronte a una minaccia internazionale.

Ad arricchire il cast di attori ticinesi, tra cui è doveroso citare Barbara Buracchio, che interpreta la turista francese Amélie, “fidanzata” di Bernasconi, e Teco Celio, già molto noto anche in Italia e che ha recitato in capolavori come «Film Rosso» di Krzysztof Kieslowski, ma anche in «Benvenuti al Sud», c’è anche il noto comico di Zelig Enrico Bertolino, nel ruolo del datore di lavoro del frontaliere.

La produzione di “Frontaliers Disaster”, a partire dall’idea iniziale fino alla scrittura della sceneggiatura, dal casting fino al tournage, ha richiesto circa 2 anni e mezzo di lavoro, con 5 settimane di riprese presso varie località della Svizzera italiana e alla frontiera di Bizzarone, dove abbiamo partecipato anche noi di Franzosini ad alcuni sketch.

La pellicola è stata un’opportunità concreta per circa una trentina di professionisti giovani e talentuosi, usciti dalle scuole di cinema del territorio ticinese, di misurarsi sul set. “Si è trattato di una collaborazione e di un coinvolgimento aperto, virtuoso ed arricchente, a vantaggio dell’intero settore della produzione audiovisiva e cinematografica indipendente della nostra regione” ha osservato il Direttore della RSI Maurizio Canetta durante la conferenza stampa di presentazione. “Questo primo film vero e proprio dei Frontaliers, ormai diventati un marchio di fabbrica dell’intrattenimento RSI e dell’immagine della nostra azienda, è il momentaneo punto d’arrivo di un cammino durato dieci anni e passato dapprima per gli sketch radiofonici e televisivi, poi per i DVD ed ora dalla prova più impegnativa, il lungometraggio di 110 minuti. La RSI ha sempre creduto sia nei Frontaliers che nella collaborazione con il settore privato: ecco perché ci siamo subito buttati in questa nuova avventura e lo abbiamo coprodotto volentieri ancora una volta”.

Il regista e produttore del film, in coproduzione con RSI, è Alberto Meroni che ha commentato: “Adottando i tempi e le dimensioni del lungometraggio, abbiamo fatto uno se non due balzi in avanti, ma una volontà è apparsa da subito chiara a tutti: quella di non snaturare i due personaggi, mantenendo intatte le loro caratteristiche umane e sociologiche. Abbiamo dato vita ad una storia in cui i due protagonisti, abituati a scontrarsi sul confine, dovranno coesistere 24 ore su 24 senza mai perdere occasione per punzecchiarsi”.

“Frontaliers Disaster” è un prodotto davvero intelligente e divertente, che si presta a più di una lettura. Le battute sono esilaranti, la consolidata bravura dei protagonisti, accompagnati da comici noti, non ha mai raggiunto livelli così alti di complicità, ma non mancano nel film anche una serie di spunti legati all’attualità ed a temi decisamente sentiti sia al di qua che al di là della frontiera con l’Italia. Franzosni ha sposato questo modo di fare ironia, supportando la realizzazione del film, proprio per questa capacità di divertire, di far ridere dal primo all’ultimo minuto, senza rinunciare a far riflettere su fenomeni sociali più profondi, uno dei maggiori pregi della pellicola.

 

Circa l'autore

Lascia un commento

Recent Tweets

Archivi

Categorie